Marco Pezzotti

My web site


Benvenuti nel mio modesto sito Web personale.

Lo scopo di queste pagine è informare gli occasionali visitatori sulla mia identità e sulle mie attività. 

Un piccolo sfogo egocentrico come già ce ne sono a migliaia nella Grande Rete.

Contatti:

 Twitter
 Facebook
 Skype

Sei il visitatore numero 

1205000 

dal 14 febbraio 2005

Google, Android non è sistema "open source" come promesso

Google sostiene che il suo sistema operativo mobile Android sia "open source", cioè aperto all’utilizzo di tutti, ma nuovi documenti pubblicati dal Wall Street Journal mostrerebbero i limiti di questa affermazione.

Il quotidiano finanziario in un articolo mostra infatti come l'azienda di Mountain View, California, ha posto severe restrizioni ai produttori di dispositivi che usano Android e vogliono accedere al suo motore di ricerca, a YouTube o a più di un milione di applicazioni nel suo Play Store, il negozio di app del colosso.

Per poterlo fare liberamente le aziende che usano il sistema operativo devono infatti garantire a Google il settaggio automatico del suo motore di ricerca nei loro apparecchi e di altre applicazioni possedute dal gigante del web. Per ottenere l'accesso ad applicazioni chiave come Play Store, produttori di dispositivi Android come Samsung devono firmare un "accordo di distribuzione di applicazioni mobile" con Google.

I termini completi degli accordi non sono stati ancora resi noti, ma due condizioni sono state ammesse durante una disputa legale del 2012 su brevetti e diritti d'autore tra Google e Oracle. Il professor Ben Edelman della Harvard Business School di Boston li ha recentemente pubblicati sul suo blog. Gli accordi di Google con Samsung e HTC riguardano il 2011 e il 2012 e Mountain View utilizzerebbe oggi con loro regole simili, anche se non è chiaro se includono identiche condizioni.

A questi due produttori di tablet e smartphone il gigante del web chiederebbe che una dozzina di applicazioni di Google siano "preinstallate" sui loro dispositivi, che il motore di ricerca sia impostato come predefinito e che il Play Store appaia "immediatamente adiacente" alla schermata iniziale. Mentre altre app di Google dovrebbero apparire non troppo distanti.

Le autorità antitrust europee stanno esaminando le condizioni imposte da Google ai produttori di dispositivi elettronici, per cercare di capire se l'azienda abbia beneficiato di una posizione dominante nell’uso di Android come principale sistema operativo per smartphone. L'Os di Google, infatti, ha una posizione quasi monopolistica sul mercato: è presente sul 79% dei dispositivi mobile.

Fonte: Follow @TMNewsAgenzia

14/02/2014


Commenti:

 

Non sono presenti commenti!

 

Lascia un commento

Nome e Cognome:*
E-mail:*
Commento:*
* Campi obbligatori!

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003.

Home| A proposito di| Area riservata


Privacy Policy